hardcobaleno

HARDCOBALENO

No Comments MAG2016

1) Com’è nata l’idea per questo progetto? Provenite tutti da diverse esperienze musicali, cosa vi ha spinto a fondare gli “HARDCOBALENO”?

Nel corso degli anni le nostre esperienze musicali e biografiche ci hanno avvicinato. Abbiamo avuto modo di lavorare insieme a diversi progetti e all’inizio dello scorso anno, sostenuti dagli amici C+C=Maxigross, siamo saliti nello studio di Vaggimal per iniziare concretizzare alcune idee. Da quella settimana è nato il primo ep FFF.

2) In che modo Verona, e la scena Veronese in generale, ha contribuito alla formazione del vostro percorso musicale?

Verona è luogo magico di incontro tra realtà internazionali, come ogni altro posto sulla terra: se si riesce a riconoscere ed esplicare il potenziale dell’interazione con le persone che vivono vicino a noi, si possono realizzare cose meravigliose. Benchè dispiaccia non fare i nomi delle singole persone, per esemplificare citiamo le realtà The Aroostercrats, C+C=Maxigross,  Sinners, Miles Cooper Seaton, Rocket Radio, Masons, Cenapunk, Whitfield Crane, Clatsop, Bikini the Cat, LAMS, The Catfish Trio, Contrada Lorì, Renault & The Dark Rova, Mastàba, Quiet Confusion, Gramlines, Lord Byron e le sue amiche ruspe, Le Pistole alla Tempia, Ancher, O’CiucciarellO che ci hanno toccato in prima persona. Sono preziose tutte le persone che lavorano per la cultura nel veronese, siano esse residenti o solo di passaggio (per scelta o necessità) nella città scaligera, che speriamo possa essere sempre più aperta ad accogliere.

3) Quali sono i tre dischi italiani che preferite?

È davvero impossibile sceglierne solamente tre!

4) Giovedì 25 aprile sarete in line-up con una giovane band italiana “INUDE” e con il duo “AUCAN”, cosa vi aspettate dal “MAG” ?

Intense vibrazioni per tutta la notte.